La via del canto

La Via del Canto #1


C’è sempre un inizio

Spesso, in cerca di una risposta, ci imbattiamo in venditori di tecniche vocali miracolose, finemente ricamate con argomentazioni incomprensibili e confusionarie che, anziché sciogliere i nostri dubbi, alimentano ancora di più le nostre insicurezze: quanti metodi abbiamo visto e valutato per capire quale è la strada giusta per noi? Si trovano corsi e lezioni per tutti i gusti e per ogni occasione: la verità è che la scelta del corso giusto diventa sempre più faticosa e frustrante.

Eppure, un metodo concreto per imparare a cantare ci dovrà pur essere perché, a pensarci bene, i grandi artisti, i nostri idoli, quei cantanti che ci fanno sognare e desiderare di riuscire un giorno a cantare come loro, esistono. Eccome se esistono! E allora come ci sono riusciti? Qual è il loro segreto?

Semplice, non ci sono segreti, non c’è nulla di incomprensibile o misterioso e, ahimè, non ci sono neanche trucchi né scappatoie, solo tanto studio, lavoro, dedizione, costanza e, ovviamente, il talento con l’immancabile passione. Ma non è abbastanza! C’è un ingrediente che non può assolutamente mancare: un insegnante capace e preparato, in grado di dimostrare vocalmente quello che ti sta insegnando, che ti capisca, dandoti esattamente quello di cui hai bisogno; che abbia esperienza di palco e gavetta sulla spalle, perché la teoria è una gran bella cosa, ma se affiancata ai fatti, fa di certo la differenza.

Sembra tutto scontato, vero? Ma non è proprio così!

Non molto tempo fa, leggendo tra i vari argomenti trattati in un gruppo di insegnanti di canto, mi sono imbattuta in questa domanda: “Quanto è importante che un insegnante di canto sia intonato?”. Ebbene, con mio grande stupore, tra le varie risposte c’era anche chi sosteneva che non è necessario essere intonati per insegnare canto. Personalmente, la ritengo una carenza molto grave, perché può influire negativamente sulla corretta crescita dell’allievo.

E, a proposito di crescita, in più di qualche occasione mi è stata rivolta questa domanda: “Ma quanto tempo ci vuole per diventare bravo? Quante lezioni devo fare per cantare come il mio idolo?”

In tutta onestà, fare un pronostico azzeccato su un allievo, prima ancora di aver realizzato quale sia il suo stato di apprendimento, la sua predisposizione al canto, la sua percezione corporea e la sua capacità uditiva ed esecutiva, credo sia pura demagogia; la fretta nello studio può essere una grande nemica, ma domande come queste, seppur azzardate, rivelano un grande desiderio di poter cantare al meglio delle proprie possibilità. Certo, l’essere impaziente non porta a nulla, ma potrebbe essere l’incentivo giusto per iniziare nel migliore dei modi.

Nessuno nasce maestro: imparare ad ascoltare e ad ascoltarsi per avere il controllo sulla voce e su se stessi è fondamentale. Certo, ci saranno momenti difficili e faticosi da superare, probabilmente ci sarà anche la paura di sbagliare, la sensazione di non essere mai all’altezza. Ma questo non deve assolutamente fermarvi, anzi, imparate a gestire e a vivere questi momenti come parte integrante ed essenziale della vostra crescita, per diventare forti, sicuri, padroni del palco e della vostra voce.

C’è una grande forza in ognuno di noi: il potere di comunicare attraverso questo nostro meraviglioso strumento e la libertà di espressione che possiamo raggiungere con lo studio della voce e del canto, ci rendono ancora più unici.

La Via del Canto vi dà appuntamento alla prossima puntata, dove vedremo insieme  la respirazione nel canto con il supporto di alcuni video didattici, che ci aiuteranno a migliorare le nostre performance canore.

Condividi l'articolo!

2 commenti su La Via del Canto #1

  1. Maurizio

    Ancora un passo in avanti , sei inarrestabile.
    Con questa rubrica metti a disposizione a chi si vuole avvicinare , o migliorare,
    In questo meraviglioso mondo del canto.
    Tutta la tua esperienza acquisita nel tempo in prima linea , ora la vuoi mettere
    a disposizione a tutti quelli che ne vorranno fare tesoro .
    Io sono tra quei fortunati, la tua capacità di rendere ogni lezione un occasione
    di crescita mi ha portato a migliorare una mia grande passione .
    Grazie Alessandra

  2. GIANLUCA

    Grazie Alessandra , con questo articolo aiuti sicuramente ad aprire la visuale non solo sul mondo della musica , ad ogni tua lezione ci si accorge che non si finisce mai di imparare , hai sempre qualcosa di nuovo e da trasmettere . Grazie sempre di tutto !

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *