The Stars Look Up

The Stars Look Up – Moreno Ruaro


“Sii te stesso anche nella musica”

La mia passione per la chitarra nacque per puro caso nel lontano 1987 a Melbourne, in Australia, dove mi trovavo in vacanza con mia madre.
Nel bel mezzo di una cena al Calabria Club (che tra l’altro esiste ancora) si spensero le luci e una band locale iniziò a suonare una canzone dei Bon Jovi: “livin’ on a prayer”… e cominciai a sognare, sognare, sognare…
Io, soltanto tredicenne, rimasi folgorato dal suono di quella chitarra che avvolgeva la sala e fu quella sera che decisi che sarei diventato un chitarrista.
Dopo due anni di strimpellate con una chitarra classica tentando di imitare AC/DC, Iron Maiden e Metallica, a 15 anni acquistai la mia prima chitarra elettrica e cominciarono le prime prove con gli amici.

A 17 anni arrivarono anche i primi live con i WNP e i Sister Wisdom, con i quali suonavo del sano Hard Rock (cover e brani nostri).
Nel 1995, la voglia di sperimentare nuovi generi e di creare musica originale, da una costola dei WNP, nacquero i Maya, con i quali ebbi le prime esperienze in sala di incisione registrando, tra le altre canzoni, un mini concept con 4 brani, che non vide mai la luce, ma mi diede la possibilità di farmi notare da Terence Holler (Eldritch), Nick Savio (White Skull) e Dan Keying (Cydonia).
Fu così che, con Terence e Nick, scrissi e registrai l’album omonimo dei Vicious Mary che uscì nel 2002 per Frontiers Records e, con Dan, collaborai come arrangiatore e registrai il secondo album dei Cydonia “The Dark Flower” che uscì nel 2003 per Metal Blade Records… per dovere di cronaca, all’epoca avevo un nome d’arte: Pete Daniels.
Con la nascita di mia figlia, nel 2004, decisi di prendermi una pausa dai vari impegni musicali ma ben presto mi accorsi che mi mancava la valvola di sfogo, la chitarra, la musica, il contatto con il pubblico: mi mancavano i live!!!
Nel 2005 entrai a far parte dei Betrayer, una cover band avviata e molto attiva in fatto di live, con i quali ho suonato fino al 2019… ma nel frattempo ho anche fondato assieme a Bruno, Fiurla, David e Nick (i miei “fratelli di musica”), nel 2014, gli Opera (cover hard rock/heavy metal) e, nel 2019, i Dr.Stein (Helloween tribute band) con i quali milito tutt’oggi.
Pur facendo prevalentemente cover negli ultimi 15 anni, nel mio modo di suonare cerco di far trasparire le mie emozioni, la mia personalità, quello che sono io, quello che ho imparato in tanti anni di musica… infatti, dove la canzone lo concede, mi piace dare libero sfogo alla fantasia improvvisando o creando qualcosa di mio, come del resto ho fatto registrando il mio omaggio al Maestro Satriani per gli amici di PressMusic.
Proprio per questo il mio motto è: “SII TE STESSO ANCHE NELLA MUSICA
A presto!!!

Condividi l'articolo!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *